CHI SIAMO

Associazione di volontari senza scopo di lucro promossa dal Coordinamento per la Democrazia Costituzionale. 

SEDE LEGALE: Roma, Corso d’Italia 97, presso lo studio dell’avvocato Pietro Adami.

La associazione è regolata dallo statuto ed ha come scopo immediato quello di promuovere la vittoria dei NO nel futuro referendum costituzionale.

E' composta da costituzionalisti, avvocati, associazioni,  studenti, insegnanti, pensionati, precari, lavoratori, cittadini comuni, artisti ed intellettuali che hanno deciso di impegnarsi in questa lotta in difesa della democrazia partecipativa e dei valori fondamentali della nostra Carta Costituzionale che con la riforma Renzi - Boschi e la Legge Elettorale "Italicum" rischia di essere stravolta a scapito dei diritti fondamentali.

 

 

 

Il consiglio direttivo dell’Associazione “Comitato per il No nel referendum costituzionale” è composto da:

Gustavo Zagrebelsky (presidente onorario), Alessandro Pace (presidente), Pietro Adami, Alberto Asor Rosa, Gaetano Azzariti, Francesco Baicchi, Vittorio Bardi, Mauro Beschi (comitato esecutivo), Felice Besostri, Francesco Bilancia, Sandra Bonsanti, Lorenza Carlassare, Sergio Caserta, Antonio Caputo, Francesca Chiavacci, Claudio De Fiores, Riccardo De Vito, Carlo Di Marco, Antonio Di Pietro, Giulio Ercolessi, Anna Falcone (vice presidente), Antonello Falomi (tesoriere), Gianni Ferrara, Tommaso Fulfaro (cassiere), Domenico Gallo (comitato esecutivo), Alfonso Gianni, Alfiero Grandi (vice presidente vicario), Maurizio Landini, Raniero La Valle, Paolo Maddalena, Tomaso Montanari, Giovanni Palombarini, Vincenzo Palumbo, Francesco Pardi, Livio Pepino, Antonio Pileggi, Marta Pirozzi, Ugo Giuseppe Rescigno, Stefano Rodotà, Franco Russo, Giovanni Russo Spena, Cesare Salvi, Mauro Sentimenti, Carlo Smuraglia (comitato esecutivo),  Enrico Solito, Armando Spataro, Massimo Villone, Vincenzo Vita, Mauro Volpi.

Al momento conta più di 700 comitati in Italia e all'estero formati da volontari che credono in questa battaglia

Gustavo Zagrebelsky

Presidente Onorario

Alessandro Pace

Presidente

Anna Falcone

Vice presidente

Alfiero Grandi

Vice presidente vicario

pic_2 (1)
13920248_311218049222640_5198293948204158808_o
13411773_285212678489844_7892895274250244800_o
13217497_271958979815214_8967389390206132314_o
13882694_306969002980878_8236165922014033730_n
14079605_320530654958046_805150435399304205_n
13557929_1126167440788804_6949813096143306736_n
13332787_1108251195913762_1724995169025219774_n
13342937_1108084532597095_4245222405802173414_n
13315383_1108085069263708_2927891417342539822_n
14067462_621053518073470_747306140948068761_n
13413755_586759668169522_3512492128151210852_n
13241382_574455579399931_8350641378771461796_n
13010600_562162953962527_6609921944544396968_n
NONE1
comitato_no
ycsmiogy
comitato_no_vibo
13926003_311218199222625_3128795478242858347_o
Difendiamo1
img_70351_117980
Sala_Tobino
IMG-20160717-WA0050-990x559
8a29a37a4ef7a617deed60f1aa7ad598_w500_h284_cp_sc
noreferLauria
13332992_516145335254113_1776664009476762539_n
13263801_510239765844670_4019727457092207368_n
13237629_508323992702914_3304050021611722648_n
13267842_507806726087974_1761786766204189204_n
DSC05036
DSC05021
12991091_1721720411379558_8346874530094295850_n
13010717_1024263170986934_8531893395260053174_n
12998542_1024262904320294_3058352994581977090_n
costituzione-675
img_9061
DSC05026
14068569_1113203122092938_287517196422291744_o
14067589_1110892445657339_682435527733646421_n
14068460_1110095329070384_3548156304082475413_o
13923355_1095645220515395_4266240868767300864_o
11113590_739778616148973_2082721135910231236_o
12967342_1018885084858076_6539931936120294027_o
12991032_1025332904213294_8377728335721464367_n
12027686_748704075256427_6791737151667561526_n
photo_2016-08-26_14-28-51
photo_2016-08-26_14-49-06
photo_2016-08-26_14-48-58
photo_2016-08-26_14-48-54
photo_2016-08-26_14-27-58
13445703_1745590635659202_943600227965490204_n
13339496_1740005262884406_4420610641494117798_n
13327471_1742641659287433_7763343962613214607_n
13458511_1745929355625330_6874522396376246677_o
13322046_1742980849253514_3400463250108994717_n
13237762_1736992046519061_6036832632296961031_n
13178694_1731549240396675_352330734763074213_n
13102807_1727095930842006_2045584500368953100_n
13055463_1726750587543207_5192641710704448392_n
13240658_1735199740031625_8809489216103520181_n
13118994_1729115137306752_4717763045116643013_n
12963593_10209226751895912_3821135206136017075_n

Il Senato ha votato il testo della legge costituzionale di cui al d.d.l. Renzi-Boschi 1429 S. e 2613/b C. e il governo Renzi è intenzionato a farla approvare al più presto.

 

Contando sulla possibilità che si svolga il referendum previsto dall’articolo 138 della Costituzione è stato costituito il “Comitato per il NO nel referendum sulle modifiche della Costituzione”

il 30 ottobre 2015 a Roma, nella forma di Associazione presso il notaio Atlante.

 

Il Comitato per il NO nel referendum previsto dall’articolo138  si è costituito sulla base della seguente piattaforma politica:

 

Il disegno di legge costituzionale Renzi-Boschi di riforma della Parte II della Costituzione dissolve l’identità della Repubblica nata dalla Resistenza. È inaccettabile per il metodo e per i contenuti e lo è ancor di più in rapporto alla legge elettorale (52/2015) già approvata.

 

Nel metodo: è stato costruito per la sopravvivenza di un governo e di una maggioranza privi di qualsiasi legittimazione sostanziale dopo la sentenza con la quale la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità del «Porcellum». Molteplici forzature di prassi e regolamenti hanno determinato in parlamento spaccature insanabili tra le forze politiche, portando all’approvazione da parte di possibili maggioranze raccogliticce e occasionali, rese unicamente dal premio di maggioranza dichiarato illegittimo.

 

Nei contenuti: la cancellazione della elezione diretta dei senatori, la drastica riduzione dei componenti — lasciando immutato il numero del deputati — la composizione fondata su persone selezionate per la titolarità di un diverso mandato (e tratta da un ceto politico di cui l’esperienza dimostra la prevalente bassa qualità) colpiscono irrimediabilmente il principio della rappresentanza politica e gli equilibri del sistema istituzionale.

Non basta l’argomento del taglio del costi, che più e meglio poteva perseguirsi con scelte diverse.

Né basta l’intento dichiarato di costruire una più efficiente Repubblica delle autonomie, smentito dal complesso e farraginoso procedimento legislativo, e da un rapporto stato-Regioni che solo in piccola parte realizza obiettivi di razionalizzazione e semplificazione, determinando per contro rischi di neo-centralismo.

Il vero obiettivo della riforma è lo spostamento dell’asse istituzionale a favore dell’esecutivo.

Una prova si trae dalla introduzione in Costituzione di un governo dominus dell’agenda dei lavori parlamentari.

Ma ne è soprattutto prova la sinergia con la legge elettorale «Italicum», che aggiunge all’azzeramento della rappresentatività del senato l’indebolimento radicale della rappresentatività della camera dei deputati. Ballottaggio, premio di maggioranza alla singola lista, soglie di accesso, voto bloccato sui capilista consegnano la camera nelle mani del leader del partito vincente — anche con pochi voti - nella competizione elettorale, secondo il modello dell’uomo solo al comando.

 

Ne vengono effetti collaterali negativi anche per il sistema di checks and balances.

Ne risente infatti l’elezione del capo dello Stato, dei componenti della corte costituzionale, del Csm.

E ne esce indebolita la stessa rigidità della Costituzione.

La funzione di revisione rimane bicamerale, ma i numeri necessari sono alla Camera artificialmente garantiti alla maggioranza di governo, mentre in Senato troviamo membri privi di qualsiasi legittimazione sostanziale a partecipare alla delicatissima funzione di modificare la Carta fondamentale.

 

L’incontro delle forze politiche antifasciste in Assemblea costituente trovò fondamento nella condivisione di essenziali obiettivi di eguaglianza e giustizia sociale, di tutela di libertà e diritti. Sul progetto politico fu costruita un’architettura istituzionale fondata sulla partecipazione democratica, sulla rappresentanza politica, sull’equilibrio tra i poteri. Il disegno di legge Renzi-Boschi stravolge radicalmente l’impianto della Costituzione del 1948, ed è volto ad affrontare un momento storico difficile e una pesante crisi economica concentrando il potere sull’esecutivo, riducendo la partecipazione democratica, mettendo il bavaglio al dissenso. Non basta certo in senso contrario l’argomento che la proposta riguarda solo i profili organizzativi.

 

L’impatto sulla sovranità popolare, sulla rappresentanza, sulla partecipazione democratica, sul diritto di voto è indiscutibile.

Più in generale, l’assetto istituzionale è decisivo per l’attuazione dei diritti e delle libertà di cui alla prima parte, come è stato reso evidente dalla sciagurata riforma dell’articolo 81 della Costituzione.

Bisogna dunque battersi contro questa modifica della Costituzione.

Ora facendo mancare il voto favorevole della maggioranza assoluta dei componenti in seconda deliberazione.

E poi con una battaglia referendaria come quella che fece cadere nel 2006, con il voto del popolo italiano, la riforma — parimenti stravolgente — approvata dal centrodestra.

 

Per queste ragioni il Comitato per il No ritiene che occorra impedire che questa “riforma” cambi il volto costituzionale delle nostra Repubblica.

Su queste basi si è proceduto a costituire Il Comitato che si propone di difendere i principi della vigente Costituzione Repubblicana